Il Conservatorio di San Pietro a Majella

Il Conservatorio di San Pietro a Majella è un istituto superiore di studi musicali fondato a Napoli nel 1808. È situato nel centro storico della città, nell’ex convento dei Celestini annesso alla chiesa di San Pietro a Majella.

Il complesso risulta essere il più antico conservatorio italiano ancora in attività; pertanto è una delle più prestigiose scuole di musica in Italia ed è stato nel corso della sua storia punto cardine nell’influenza della cultura musicale europea contribuendo fortemente allo sviluppo della scuola musicale napoletana.

Il conservatorio è frutto dell’unione di quattro precedenti istituti musicali i quali testimoniano l’elevato interesse della città partenopea verso la cultura musicale. In tali contesti, infatti, si sono formati un numero elevatissimo di eccellenti compositori che portarono al successo lo stile musicale napoletano che si diffuse a sua volta rapidamente nelle corti di tutta Europa. Nel 1739, infatti, lo scrittore e politico francese Charles de Brosses, riferendosi alla città partenopea, la definì capitale mondiale della musica.

STORIA

Il conservatorio nacque nel 1808 col nome di Real Collegio di Musica dall’unificazione di altre quattro preesistenti istituzioni musicali nate come orfanotrofi e nelle quali si era iniziato ad impartire insegnamenti di catechismo e di canto per i fanciulli abbandonati già a partire dal Cinquecento: il “Santa Maria di Loreto”, quello della “Pietà dei Turchini”, quello di “Sant’Onofrio a Capuana” e quello dei “Poveri di Gesù Cristo”. La sede antica era quella del vicino convento di San Sebastiano.

Dal 1826, per ordine di Francesco I, il complesso fu invece trasferito nella sede attuale, in via San Pietro a Majella 35, assumendo la denominazione di Reale Conservatorio di Musica di San Pietro a Majella.

Proprio nel corso dell’Ottocento e dei primi anni del Novecento il complesso si arricchì di opere. Busti, ritratti di musicisti e strumenti di personalità illustri venivano, infatti, di volta in volta donati dagli stessi artisti con lo scopo di lasciar custodire al regio collegio le proprie opere o la propria storia.

In tal senso diverse sono le lettere conservate nell’archivio del conservatorio, che testimoniano le suddette donazioni.

Il più antico conservatorio era quello di “Santa Maria di Loreto” (1535), di cui Ferdinando IV di Borbone decretò la chiusura nel 1797, trasformandolo in un ospedale militare ed inglobandolo al conservatorio di Sant’Onofrio a Porta Capuana. Il conservatorio sorgeva nei pressi di via Marina, dove oggi è ubicato l’omonimo ospedale cittadino. All’epoca, con i suoi millecinquecento iscritti circa, era sicuramente il conservatorio più frequentato di Napoli. La provenienza degli allievi era per lo più partenopea e spagnola. Tra i compositori più illustri che hanno frequentato l’istituto, si ricorda Alessandro Scarlatti che nel 1689 assunse il ruolo di primo Maestro e Francesco Durante, il quale insegnerà nel conservatorio dal 1742 fino alla sua morte (1756).

Il conservatorio della Pietà dei Turchini (1573) nacque con l’intento di ospitare i ragazzi orfani o abbandonati. La sua sede era nell’attuale via Medina, precisamente nell’omonimo complesso religioso. Il nome proveniva dal colore delle divise degli orfanelli ivi ospitati e questa fu l’ultima istituzione a sopravvivere accogliendo gli allievi delle altre che man mano venivano chiuse; di fatto, il conservatorio subirà un semplice trasferimento con cambio di denominazione.

Il conservatorio di Sant’Onofrio a Porta Capuana (1578) era nato da confraternite religiose seicentesche che vollero dare nuovo indirizzo alla precedente sede di una fabbrica di tessuti d’eccellenza. Lo scopo era sempre il medesimo, aiutare i bambini più bisognosi. Divenuto conservatorio nella prima metà del Seicento, l’ingresso presso l’istituto, dietro pagamento di una retta, era consentito a tutti. Nel 1797 all’istituto confluì quello di santa Maria di Loreto.

Il conservatorio dei Poveri di Gesù Cristo era stato fondato nel 1589 da un terziario francescano e venne soppresso nel 1743 in seguito a pesanti tumulti. Il complesso nacque nell’odierno largo dei Girolamini, a ridosso dell’omonima chiesa ed anche in questo caso, lo scopo dell’istituto era quello di accogliere bambini orfani e poveri. Alla sua chiusura, i bambini ospitati nella struttura furono divisi nei restanti tre conservatori della città.

All’interno del conservatorio è presente il museo, che espone strumenti, busti e ritratti di compositori e musicisti passati per l’istituto; la biblioteca, che possiede manoscritti, libretti ed autografi illustri; e l’archivio storico, con la documentazione ufficiale che testimonia la vita del conservatorio.

Si tratta probabilmente del museo di musica più importante al mondo.

Fonte: questo articolo è stato liberamente tratto e modificato da Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This